Bonus energia

home Chi siamo Iscrizione

Come sostenerci e 5 X mille

Contatti FAQ  
chiudi finestra
torna alla pagina delle domande più frequenti

Premiato il lavoro dell'Associazione, che ha inoltrato e sostenuto la richiesta nei confronti dell'Autorità dell'energia, iniziato nel 2006 (leggi tutto)

 

Chi beneficia del bonus?

 

A beneficiare del “Bonus” saranno gli utenti presso i quali vive un soggetto costretto ad utilizzare apparecchiature elettromedicali necessarie per il mantenimento in vita. Prevista nei moduli la dicitura "funzione urinaria" e specificata successivamente nel modulo della ASL come dialisi domiciliare.

 

Il bonus energia è per sempre o andrà rinnovato?

 

1) nel caso di disagio economico, la richiesta di rinnovo dovrà essere presentata ogni 12 mesi, entro due mesi dalla scadenza;

2) nel caso di grave malattia che imponga l'uso di apparecchiature elettromedicali essenziali per il mantenimento in vita, il bonus verrà erogato senza interruzione fino a quando sarà necessario l'uso di tali apparecchiature.

 

Se si sospende la dialisi domiciliare, a chi va data comunicazione per interrompere l'erogazione del bonus energia?

 

Per i casi di grave malattia che imponga l'uso di apparecchiature elettromedicali indispensabili per il mantenimento in vita, come per la dialisi, il bonus sarà applicato senza interruzioni fino a quando sussiste la necessità di utilizzare tali apparecchiature. Il cessato uso di tali apparecchiature per trapianto di rene, inizio della emodialisi ambulatoriale o morte deve essere tempestivamente  comunicato tramite Raccomandata al Sindaco del Comune di residenza. Per i residenti di Roma Capitale, e comunque dove vi sono i Municipi, al Presidente del Municipio.

 

AVVERTENZA: Considerato che abbiamo avuto segnalazioni di problemi per far valere il diritto/dovere di interrompere l'erogazione del Bonus, dopo aver contattato direttamente l'autorità dell'energia, suggeriamo di trasmettere la comunicazione anche all'autorità dell'energia inviando una e mail a info@autorita.energia.it  o un fax 0265565266.

 

Quale è la modalità per la richiesta?

 

Le richieste per il Bonus Energia devono essere consegnate tramite ai centri CAAF delle organizzazioni sindacali, solo alcuni comuni hanno una organizzazione in proprio.

 

Bonus Energia documenti disagio fisico:

Per cittadini già inclusi negli elenchi delle forniture non interrompibili ai sensi del Piano di Emergenza per la Sicurezza del Sistema Elettrico (PESSE), dovranno presentare:

  • Comunicazione ricevuta dal proprio distributore di energia elettrica attestante che il proprio punto di fornitura è inserito negli elenchi PESSE come punto di fornitura non interrompibile.

  • Autocertificazione conforme al contenuto del modulo C scaricabile dal sito dell’Autorità nel quale dovrà essere specificato il tipo di apparecchiature elettromedicali e per quanto tempo al giorno vengono utilizzate, l’indirizzo presso il quale le medesime apparecchiature sono installate, la data a partire dalla quale si utilizzano le apparecchiature elettromedicali.

 

Per i cittadini non inclusi negli elenchi relativi al PESSE, quali possono essere le persone in dialisi, dovranno presentare una apposita certificazione della propria ASL contenente le informazioni riportate nel modulo scaricabile. Per la richiesta del bonus, non è possibile utilizzare i certificati di invalidità civile.

 

A quanto ammonta il bonus energia?

 

Dal 1° gennaio 2013 il valore del bonus è articolato in 3 livelli e attribuito a ogni cliente in base al numero di apparecchiature elettromedicali salvavita utilizzate e al tempo giornaliero di utilizzo. I valori verranno determinati dall'Autorità in base all'aggiornamento tariffario del primo trimestre 2013. In concreto significa che chi utilizza apparecchiature elettromedicali per 24 ore al giorno, riceverà di più rispetto al contributo base.

Nella pagina del sito SGAte è possibile calcolare a quanto ammonta il proprio contributo in base al tipo di apparecchiatura di dialisi peritoneale o emodialisi e le ore di utilizzo.

Vi sarà la possibilità di ottenere il riconoscimento retroattivo del nuovo meccanismo. Per poter richiedere il bonus retroattivo per disagio fisico, è necessario aver già ottenuto l'agevolazione in precedenza e presentare la domanda nel periodo compreso tra il 1° gennaio e il 30 aprile 2013. Il bonus retroattivo verrà riconosciuto a tutti coloro che - sulla base delle apparecchiature utilizzate e della loro intensità di utilizzo certificate dalla ASL - risulteranno avere diritto ad un importo più elevato rispetto al precedente bonus standard.

 

Il bonus è cumulabile con altri interventi per le famiglie?

 

Il ‘Bonus’ è cumulabile con altri interventi per le famiglie con disagio economico già previsti dal governo, e per la dialisi domiciliare previsti dalle Regioni.

 

AVVERTENZA: evitate di cambiare il gestore di energia per evitare spiacevoli problemi per il trasferimento del Bonus

Da esperienze dirette pubblicate anche su quotidiani, si sconsiglia di cambiare il gestore dell'energia, ovvero di passare da un contratto ad un altro che sembra economicamente più vantaggioso, in quanto, anche se previsto, non c'è nessuna garanzia che il nuovo gestore automaticamente applica il Bonus energia acquisito, ciò comporterà un inevitabile contenzioso.

 

Può essere interrotta l'erogazione dell'energia a chi utilizza apparecchi salvavita?

 

Spetta all'utente interessato comunicare all'impresa distributrice dell'energia nel territorio (ENEL, ACEA, ecc) la sua condizione con documentata certificazione medica.

Dalla deliberazione dell'Autorità dell'Energia 117/2008 si legge:

gli utenti finali domestici in gravi condizioni di salute di cui all’articolo 3 del medesimo decreto 28 dicembre 2007, di norma, sono inclusi nell’elenco degli utenti finali identificati come non interrompibili, anche ai fini delle procedure di distacco programmato previste dal Piano di emergenza per la sicurezza del sistema elettrico. Nei casi in cui l’inclusione degli utenti finali domestici in gravi condizioni di salute risultasse incompatibile con il raggiungimento degli obbiettivi di alleggerimento del carico previsti dal Piano di emergenza per la sicurezza del sistema elettrico, l’impresa distributrice può procedere al distacco di detti utenti esclusivamente per il tempo strettamente indispensabile ai fini dell’applicazione del suddetto Piano e previo preavviso personalizzato, effettuato tempestivamente al ricevimento dell’informazione di attivazione del Piano da parte del soggetto delegato allo scopo.

Ciascuna impresa distributrice invia a tutti gli utenti finali domestici identificati come non interrompibili ai fini del Piano di emergenza per la sicurezza del sistema elettrico una comunicazione attestante la non interrompibilità della fornitura ai sensi del Piano medesimo.

 

 

modulistica:

 

modulo B disagio fisico

 

modulo C autocertificazione uso apparecchiature elettromedicali

 

modulo D fax simile ASL utilizzo apparecchiature elettromedicali

 

portale Autorità per l'energia elettrica e il gas

 

NUMERO VERDE PER LE INFORMAZIONI 800166654

 

(attivo dal lunedì a venerdì dalle ore 8 alle ore 18)

 

Premiato il lavoro dell'Associazione, che ha inoltrato e sostenuto la richiesta nei confronti dell'Autorità dell'energia, iniziato nel 2006 (leggi tutto)

 
chiudi finestra