Interventi dei Pontefici per la donazione ed il trapianto

home Chi siamo Iscrizione

Come sostenerci e 5 X mille

Contatti  
chiudi finestra

28 maggio 2017 Papa Francesco

"La donazione degli organi è un atto nobile e meritorio". Così Papa Francesco, (citando il catechismo 2296), ha salutato le associazioni presenti in piazza San Pietro con il Centro Nazionale Trapianti in occasione della  XX “Giornata Nazionale su Donazione e Trapianto di Organi, Tessuti e cellule”.

(il testo dell'Angelus)

 


19 settembre 2014 Papa Francesco

"Il Papa ci ha autorizzato a dire all'esterno che bisogna incoraggiare la donazione degli organi per generosità e che l'utilizzo commerciale degli organi è immorale e un crimine contro l'umanità". A riferirlo è il Prof. Ignazio Marino, ricevuto dal Pontefice insieme a una delegazione dei massimi esperti mondiali nel campo dei trapianti, riuniti nella Capitale per approfondire il tema del traffico d'organi.


14 maggio 1956

29 agosto 2000

7 novembre 2008

Il discorso di Pio XII all'associazione dei donatori di cornea e l'unione italiana ciechi (in italiano)

Il discorso di Giovanni Paolo II al XVIII congresso internazionale dei trapianti Roma (in italiano)

Il discorso di Benedetto XVI ai partecipanti al congresso internazionale "Un dono per la vita"(in italiano)


28 febbraio 1956

Don Carlo Gnocchi

primo donatore di organi in Italia


Quale è la posizione delle principali religioni in merito alla donazione ed al trapianto degli organi?

Nessuna delle religioni maggiormente professate si oppone alla donazione degli organi.

La religione cattolica accetta i trapianti e la donazione degli organi è incoraggiata in quanto atto di carità ed è citata nel Catechismo come esempio di comportamento solidale e caritatevole.

La religione protestante incoraggia e sostiene la donazione degli organi,

La religione ebraica sostiene che "se è possibile donare un organo per salvare una vita è obbligatorio farlo".

Le religioni buddista, induista, mormone, quacchera e scienza cristiana non prendono posizione e demandano la decisione al singolo individuo, poiché ritengono che la donazione sia un fatto del tutto personale, la cui scelta spetta esclusivamente all'individuo.

La religione islamica approva la donazione se avviene da persone che hanno dato in anticipo il loro consenso per iscritto, a patto che gli organi non vengano conservati, bensì subito trapiantati.

La religione testimoni di Geova ritengono che il trapianto degli organi sia una decisione che spetta al soggetto interessato, e non si oppongono alla donazione.

La religione greco-ortodossa non pone dichiarate obiezioni alla donazione ed alle procedure che contribuiscono a migliorare lo stato di salute, ma è contraria alla donazione dell'intero corpo per la sperimentazione o la ricerca.

La religione Amish è riluttante se il risultato è incerto.


chiudi finestra