Archivio News 2021

home Chi siamo Iscrizione

Come sostenerci e 5 X mille

Contatti  

vai all'archivio news

segui le notizie giornalmente sul profilo facebook dell'associazione

chiudi finestra

 

 

DAL 24 FEBBRAIO 2020 AD OGGI CORONAVIRUS

"ognuno di noi ha la responsabilità di contenere la situazione"

leggi le normative nazionali e ragionali del Lazio, sul lavoro che ci riguardano da vicino

CLICCA QUI

 

 

 

04 OTTOBRE ASL ROMA 3 OSTIA INAUGURATI PRESSO LA CASA DELLA SALUTE DI LUNGOMARE TOSCANELLI, 230 I LOCALI ASSEGNATI ALLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO DEL X MUNICIPIO

 

Con la presenza della Direttore Generale Dr.ssa Marta Branca, e la Dr.ssa Patrizia Rulli.

L’Associazione Malati di Reni con Patrizia Pagano e Leonardo Loche partecipa al progetto della ASL e fa parte del gruppo di associazioni che sono presenti per dare informazioni ai cittadini.

Negli intenti la ASL intende continuare a promuovere lo sviluppo e la valorizzazione dei volontari quale importante risorsa della comunità. Per questo motivo è stato sottoscritto, in data 28 luglio ultimo scorso, il rinnovo del Protocollo di Intesa con le Associazioni che formalizza e realizza la collaborazione concertata tra la ASL Roma 3 e loro. Scopo della collaborazione, alle quali le parti si sono impegnate, è quello di consentire la migliore accoglienza, in senso sostanziale, di familiari e di operatori al servizio delle persone fragili che accedono ai servizi socio sanitari.

 

 

03 OTTOBRE CELEBRATO A LORETO IL GIUBILEO DEI TRAPIANTATI, DONATORI E OPERATORI

 

Celebrato a Loreto il Giubileo dei trapiantati nell'ambito delle manifestazioni per il Giubileo lauretano. L'evento, organizzato dall'Associazione per i Trapianti d'organo delle Marche in collaborazione con il Forum Nazionale Nefropatici e Trapiantati.

La manifestazione ha coinvolto le tre componenti che partecipano al processo donazione/trapianto: familiari di donatori, pazienti trapiantati e medici del trapianto. Circa 230 i pellegrini arrivati a Loreto da altre regioni: il casertano Michele Casapulla, di 47 anni, trapiantato di rene, partito da Assisi è arrivato fino in piazza della Madonna. Dove è stata parcheggiata una Lamborghini della Polizia di Stato, utilizzata per il trasporto veloce degli organi o per fare da scorta alle equipe dei trapianti. Presenti il prefetto di Ancona Darco Pellos, le rappresentanze della polizia, dei carabinieri e dell'Aeronautica militare, la dottoressa Letizia Lombardini del Centro Nazionale Trapianti, la dottoressa Francesca De Pace Coordinatore Regionale trapianti della regione Marche.

"La solidarietà è, e deve sempre tornare ad essere, il carburante che muove il motore della nostra società. La crisi pandemica, la crisi climatica e tante altre mettono ognuno di noi di fronte alla propria responsabilità di fare qualcosa…un qualcosa che possa essere a beneficio di colui o colei con il quale ci si trova ad interagire in quel momento - il commento del dott. Andrea Vecchi, presidente dell'Ato-Marche e del Forum Nazionale delle Associazioni di Nefropatici, Trapiantati d'Organo e di Volontariato -. Il bene non può che generare il bene: sia che lo si faccia con il massimo sacrificio, come quello di donare la vita per il prossimo, sia che lo si faccia ancora in vita, sottoscrivendo il consenso alla donazione degli organi".

Sono state presenti i rappresentanti di alcune associazioni del Forum Nazionale, Malati di Reni, ATO Puglia, ASNET Sardegna, Trapiantati Polmone Padova, altre in collegamento web per la S. Messa, in rappresentanza di tutti gli iscritti e associazioni che hanno partecipato di propria iniziativa.

E’ stata una bella domenica di preghiera e solidarietà, aver incontrato amici dopo la pandemia e conosciuto nuovi volontari delle associazioni.

 

14 SETTEMBRE MINISTERO DELLA SALUTE CIRCOLARE 0041416 DGPRE-DGPRE-P

 

“Indicazioni preliminari sulla somministrazione di dosi addizionali e di dosi “booster” nell’ambito della campagna di vaccinazione anti SARS-CoV-2/COVID-19”

La circolare riprende le indicazioni del comunicato AIFA n. 660 9 settembre 2021 “Parere della Commissione Tecnico Scientifica di AIFA sulla somministrazione di dosi aggiuntive di vaccini contro il COVID-19”.

Elenca tutte le patologie croniche che hanno la priorità alla vaccinazione, per quanto ci riguarda:

persone trapianto di organo solido in terapia immunosoppressiva;

persone in attesa di trapianto d’organo;

persone in dialisi;

persone con insufficienza renale cronica grave.

Sulla base delle indicazioni fornite in precedenza, tali soggetti dovrebbero aver già ricevuto due dosi di vaccino a m-RNA; comunque, indipendentemente dal vaccino utilizzato per il ciclo primario (Comirnaty, Spikevax, Vaxzevria, Janssen), considerate le indicazioni fornite dalla commissione tecnico scientifica di AIFA (che tengono conto delle attuali informazioni in ambito regolatorio relative alle dosi aggiuntive), sarà possibile utilizzare come dose addizionale uno qualsiasi dei due vaccini a m-RNA autorizzati in Italia: Comirnaty di BioNTech/Pfizer nei soggetti di età ≥ 12 anni e Spikevax di Moderna nei soggetti di età ≥ 18 anni.

La dose aggiuntiva dovrebbe essere somministrata dopo almeno 28 giorni dall’ultima dose.

La circolare riporta il consenso informato specifico per la terza dose

Ora saranno le regioni ad organizzare la parte operativa per procedere alle vaccinazioni

 

 

10 SETTEMBRE GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA n. 217

DETERMINA 30 agosto 2021 pubblicato in G.U. n 217 del 10 settembre 2021 Riclassificazione del medicinale per uso umano «Veltassa»

Prime informazioni disponibili, ricavate dalla lettura della determina

I farmaco Valtessa (Vifor Pharma) negli intenti affianca il Kayexalate, che tutti conosciamo, nella cura dell’Iperkaliemia cercando controllare il Potassio.

Il farmaco è prescrivibile con Piano terapeutico, è prescrivibile alle persone in dialisi, a carico del cittadino Fascia C.

L’alto costo del farmaco, ove prescrivibile al carico del SSN con piano terapeutico cartaceo, pone il vincolo di essere farmaco di seconda scelta, ovvero la prescrizione è limitata al trattamento dei pazienti adulti con Iperkaliemia persistente (livello di potassiemia superiore a 5.5 mmol/L in pazienti con risposta insufficiente o controindicazione alle resine (calcio polistirene sulfonato/sodio o polistirene sulfonato) (Kayexalate), ed è consentita la prescrivibilità ai medici appartenenti a centri ospedalieri o specialisti nefrologo, cardiologo, internista.

la determina

 

 

09 SETTEMBRE COVID-19: AIFA TERZA DOSE DEL VACCINO, IL PARERE DELLA COMMISSIONE TECNICO SCIENTIFICA  TRA LE PRIORITA' PERSONE TRAPIANTATE D’ORGANO, IN DIALISI E CON MALATTIA RENALE GRAVE

 

Comunicato n. 660 9 settembre 2021 Parere della Commissione Tecnico Scientifica di AIFA sulla somministrazione di dosi aggiuntive di vaccini contro il COVID-19.

Con il parere della commissione dell’AIFA parte in Italia l’iter per effettuare le terze dosi del vaccino anti Covid-19.

Vediamo nel dettaglio quanto ci riguarda:

La CTS, pur rilevando che le evidenze disponibili sono ancora parziali e riguardano soprattutto i soggetti trapiantati di organo solido, considera appropriato proporre una dose addizionale di vaccino COVID-19 a completamento del ciclo vaccinale prioritariamente nei soggetti adulti e adolescenti di età superiore a 12 anni (vaccino Comirnaty Pfizer/BioNTech) o superiore a 18 anni (vaccino Spikevax Moderna) in condizione di immunosoppressione clinicamente rilevante. Rientrano nella suddetta categoria i trapiantati di organo solido e i soggetti che presentino, sulla base della valutazione clinica, un livello di immunocompromissione assimilabile, condizioni cliniche quali l’insufficienza renale grave e terminale.

La dose aggiuntiva dovrebbe essere somministrata dopo almeno 28 giorni dall’ultima dose.

Il provvedimento sarà efficace dal giorno successivo alla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale. Dalle dichiarazioni pubblicate si dovrebbe iniziare con le vaccinazioni per fine mese.

il comunicato AIFA con il parere della CTS

 

 

09 SETTEMBRE GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA n. 216

 

DETERMINA 30 agosto 2021 pubblicata in G. U. n. 216 del 9 settembre 2021 “Riclassificazione del medicinale per uso umano «Lokelma»

Prime informazioni disponibili, ricavate dalla lettura della determina

Il farmaco Lokelma (AstraZeneca) negli intenti affianca il Kayexalate, che tutti conosciamo, nella cura dell’Iperkaliemia cercando controllare il Potassio.

Il farmaco è prescrivibile con Piano terapeutico cartaceo, ed è prescrivibile a carico del SSN alle persone in dialisi.

L’alto costo del farmaco pone il vincolo di essere farmaco di seconda scelta, ovvero la prescrizione è limitata al trattamento dei pazienti adulti con Iperkaliemia persistente (livello di potassiemia superiore a 5.5 mmol/L in pazienti con risposta insufficiente o controindicazione alle resine (calcio polistirene sulfonato/sodio o polistirene sulfonato) (Kayexalate), ed è consentita la prescrivibilità ai medici appartenenti a centri ospedalieri o specialisti nefrologo, cardiologo, internista.

la determina

 

 

20 AGOSTO DONATI 2 COMPUTER ALLA NEFROLOGIA DELL’OSPEDALE BELCOLLE DI VITERBO

 

Insieme alla delegata Patrizia Galeotti abbiamo donato 2 computer da tavolo alla ASL di Viterbo per essere utilizzati nella Nefrologia e Dialisi dell’ospedale di Belcolle di Viterbo, diretta dal Dottor Sandro Feriozzi.

La proposta di donazione, è della nostra delegata, dopo averne constatato il bisogno, è stata realizzata con i fondi del 5 X Mille.

Con la continua informatizzazione dei servizi, i computer sono sempre più necessari e devono essere costantemente aggiornati.

Soddisfatto il Dottor Sandro Feriozzi che ringrazia l’associazione i delegati e tutti i sostenitori.

 

 

 

 

12 AGOSTO REGIONE LAZIO Protocollo Emergenza GR3915-000022- del 12/08/2021

Emergenza COVID-19: trasmissione “Percorso per la presa in carico dei pazienti con (malattia renale cronica (malattia renale cronica IV/V stadio, dializzato e/o portatore di trapianto di rene)” aggiornamento 12.8.2021

 

 

12 AGOSTO CONFERENZA STATO REGIONI “PROGETTO PER IL TRAPIANTO DI RENE DA DONATORE VIVENTE

Conferenza Stato-Regioni seduta del 04 agosto 2021 atto n. 149/CSR “Accordo ai sensi degli articoli 2, comma 1, lett. b) e 4, comma 1, del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, sul documento recante “Progetto per il trapianto di rene da donatore vivente”.

Il documento è molto importante per lo sviluppo della donazione del rene da vivente, parte dalla considerazione che attualmente in Italia a fronte di programmi di trapianto di rene da donatore vivente attivi presso 34 centri autorizzati, il ricorso al trapianto da vivente rappresenta circa il 10% del totale;

che il trapianto da donatore vivente costituisce una rilevante opzione terapeutica dell’insufficienza renale terminale in quanto assicura la migliore sopravvivenza del paziente e dell’organo, migliore qualità di vita dei pazienti, contribuendo nel contempo ad offrire ai pazienti in lista di attesa la possibilità di un trapianto perché aumenta il numero di organi disponibili;

che per favorire il trapianto di rene da donatore vivente è necessaria una preventiva e corretta informazione del paziente e dei suoi congiunti e che il momento più adeguato per prospettare questa opzione terapeutica è il momento del colloquio in cui il medico nefrologo prospetta al paziente e ai suoi congiunti le varie possibilità di cura, compreso il trapianto da donatore vivente, e che tale colloquio avviene negli ambulatori di nefrologia, cosi detti ambulatori pre-dialisi, ove i pazienti con insufficienza renale cronica vengono gestiti ed avviati al trattamento sostitutivo;

Si ravvisa quindi la necessità di definire una strategia per favorire il ricorso al trapianto di rene da donatore vivente, fornendo alle Regioni uno schema di progetto sulla base del quale le stesse possano elaborare, tenendo conto del documento elaborato dal Centro nazionale trapianti e nel rispetto dei propri assetti organizzativi, una specifica proposta di interventi per il trapianto da donatore vivente, con il coinvolgimento dei rispettivi Centri regionali per i trapianti, indicano nel Progetto le azioni da intraprendere ai fini del superamento delle criticità individuate e i tempi entro cui le azioni debbono essere svolte.

Entro 6 mesi dalla definizione, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano recepiscono il presente Accordo dandone contestualmente attuazione, nell’ambito dei propri assetti organizzativi.

 

 

04 - 05 - 14 AGOSTO MINISTERO DELLA SALUTE CIRCOLARE N. 0035309 E CIRCOLARE N. 0035444 E SOCIETA’ ITALIANA MEDICINA GENERALE E CURE PRIMARIE VADEMECUM OPERATIVO ESENZIONE DA VACCINO ANTI COVID-19

“Certificazioni di esenzione alla vaccinazione anti-COVID-19”

Il certificato sostituisce il green pass fino al 30 settembre prossimo, non sono previste autocertificazioni

La circolare del ministero della Salute n. 0035309-del 04 agosto 2021 “Certificazioni di esenzione alla vaccinazione anti-COVID-19” autorizza il certificato per gli esenti dal vaccino anti-Covid.

La circolare specifica che il certificato è destinato alle persone che "per condizione medica non possono ricevere o completare la vaccinazione per ottenere una certificazione verde Covid-19". Potranno essere "rilasciate in formato cartaceo" e avranno una "validità massima fino al 30 settembre".

Specifica ancora che "Le persone che ottengono un'esenzione alla vaccinazione devono essere adeguatamente informate sulla necessità di continuare a mantenere le misure di prevenzione come: usare le mascherine, distanziarsi dalle persone non conviventi, lavare le mani, evitare assembramenti in particolare in locali chiusi, rispettare le condizioni previste per i luoghi di lavoro e per i mezzi di trasporto", si avverte nella circolare.

Fino al 30 settembre 2021, salvo ulteriori disposizioni, "le certificazioni potranno essere rilasciate direttamente dai medici vaccinatori dei Servizi vaccinali delle aziende ed enti dei Servizi sanitari regionali o dai medici di medicina generale o pediatri di libera scelta dell'assistito che operano nell'ambito della campagna di vaccinazione" anti-Covid nazionale.

La certificazione deve essere "rilasciata a titolo gratuito, avendo cura di archiviare la documentazione clinica relativa, anche digitalmente, attraverso i servizi informativi vaccinali regionali", anche per consentire il monitoraggio.

Altre indicazioni sulle patologie, le controindicazioni e le condizioni avverse sono specificate. Tutto deve essere specificato dal medico che rilascia il certificato.

CIRCOLARE N. 0035309

CIRCOLARE N. 0035444

VADEMECUM OPERATIVO

 

 

 

29 LUGLIO ULTERIORE PROROGA DELLA SCADENZA DELLE PATENTI DI GUIDA AL 31 MARZO 2022. ATTENZIONE ALLE DIVERSE SCADENZE.

Con l’ulteriore proroga dello stato di emergenza, vengono spostate in avanti le scadenze dei documenti di guida come si legge nella circolare del Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili U.0024231 de 27 luglio. Vediamo tutte le novità nel dettaglio.

La patente caso per caso. In pratica, alla luce di tutte le disposizioni, italiane ed europee che si sono susseguite nell’ultimo anno, per le patenti di guida rilasciate dalle autorità italiane si ha la seguente situazione nei due casi di circolazione transfrontaliera e in Italia:

1. Circolazione in Italia:

se la scadenza originaria era compresa tra il 1° febbraio 2020 e il 31 maggio 2021, la validità della patente è prorogata al 31 marzo 2022.

se la scadenza originaria era compresa tra il 1° giugno 2021 e il 30 giugno 2021, la validità della patente è prorogata di dieci mesi a decorrere dalla scadenza originaria.

se la scadenza originaria è compresa tra l’1° luglio e il 31 dicembre 2021, la validità della patente è prorogata al 31 marzo 2022.

2. Circolazione transfrontaliera su tutto il territorio dell’Unione Europea o dello Spazio economico europeo (compresa circolazione in Italia con patenti rilasciate da altro paese Ue o See):

se la scadenza originaria era compresa tra l’1° febbraio 2020 e il 31 maggio 2020 la validità della patente è prorogata di 13 mesi dalla data di scadenza originaria.

se la scadenza originaria era compresa tra l’1° giugno 2020 e il 31 agosto 2020 la validità della patente era stata prorogata fino all'1° luglio 2021, quindi va rinnovata.

se la scadenza originaria era compresa tra l’1° settembre 2020 e il 30 giugno 2021 la validità della patente è prorogata di 10 mesi dalla data di scadenza originaria.

La patente scaduta non ha più valore come documento d’identità.

 

 

22 LUGLIO ASL LATINA PRIVERNO INAUGURATO IL CENTRO DIALISI ALLA CITTADELLA DELLA SALUTE

Inaugurato dall’Assessore regionale alla Sanità e integrazione Socio-Sanitaria Alessio D’Amato, insieme al Direttore Generale della ASL di Latina dottoressa Silvia Cavalli, il Sindaco di Priverno Professoressa Annamaria Bilancia, l’assessore regionale Silvia Onorati il centro dialisi di 8 più 1 posti che presto verranno ampliati a 13, con l’ambulatorio di nefrologia, alla Cittadella della Salute di Priverno sita in via Madonna delle Grazie,20.

Il centro, che sarà attivato nei prossimi giorni, terminati alcuni lavori, tra cui l'istallazione delle TV, sostituisce il vecchio centro aperto dal 1986 situato presso l’ex ospedale cittadino.

La sala dialisi principale è molto ampia con spazi tra i letti maggiore di quanto previsto dalla normativa e luminosa, WI-FI gratuita, letti snodati.

Responsabile del centro è il Dottor Vittorio Stranges nefrologo direttore della Nefrologia e Dialisi dell’ospedale di Terracina da cui Priverno ne è la struttura territoriale.

Siamo stati accolti dalla Coordinatrice infermieristica Nadia De Marchis che ci ha mostrato la struttura, inserita in un complesso di ambulatori e servizi territoriali del distretto sanitario 3.

E’ stato ricordato negli interventi dell’importanza delle strutture sanitarie decentrate dagli ospedali che consentono alle persone soprattutto malati cronici, quali le persone in dialisi di accedere al servizio e sgravare gli ospedali dall’attività ambulatoriale.

Il centro a regime continuerà ad effettuare la dialisi vacanza molto richiesta sul territorio del sud pontino.

Per chi vuole saperne di più:

telefono 0773910781

e mail dialisipriverno@ausl.latina.it

 

02 LUGLIO ASL FROSINONE PRESIDIO SANITARIO DI ANAGNI RIPRISTANI I PARCHEGGI RISERVATI PER LE PERSONE IN DIALISI

Questa mattina Roberto Costanzi in visita al centro dialisi del Presidio Sanitario di Anagni, dove abbiamo verificato la ricollocazione e delimitazione dei parcheggi riservati per le persone in dialisi vicino all’ingresso B del presidio.

I parcheggi erano stati spostati in altro spazio nel grande parcheggio creando difficoltà alle persone che autonomamente si recano ad effettuare la dialisi. Le prime notizie furono diffuse da un quotidiano on line mesi fa.

Lo scorso aprile fu interessata l’Associazione Malati di Reni che ha scritto alla direttrice generale della ASL dottoressa Pierpaola D’Alessandro.

Il 7 giugno scorso incontro con il Direttore del Distretto Dottor Marcello Russo, il Dottore Luigi Cesarano e il Dottore Carmine Chiappetta dirigente della Nefrologia e dialisi del presidio recepite le necessità, si è raggiunto l’accordo ponte del ripristino di 2 posti dialisi nel parcheggio all’ingresso B, il mantenimento di 2 posti auto già delimitati nel grande parcheggio, con l’impegno di rivederci a settembre per verificare le necessità su quanto concordato ed eventualmente definire una nuova soluzione.

Siamo soddisfatti di questo primo risultato e ringraziamo quanti nella ASL si sono adoperati per trovare la soluzione.

 

22 GIUGNO MINISTERO DELLA SALUTE ORDINANZA

Ulteriori misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19 in «zona bianca».

A partire dal 28 giugno 2021, fermo restando quanto previsto dal decreto del Presidente del Consiglio dei ministri che prevede, tra l’altro, l’obbligo sull’intero territorio nazionale di avere sempre con sé dispositivi di protezione delle vie respiratorie, nelle «zone bianche» cessa l’obbligo di indossare dispositivi di protezione delle vie respiratorie negli spazi all’aperto, fatta eccezione per le situazioni in cui non possa essere garantito il distanziamento interpersonale o si configurino assembramenti o affollamenti, per gli spazi all’aperto delle strutture sanitarie, nonché in presenza di soggetti con conosciuta connotazione di alterata funzionalità del sistema immunitario. ovvero IMMUNODEPRESSE. In sintesi, dobbiamo continuare a portarle noi e chi ci sta vicino.

 

 

21 GIUGNO 2021: REGIONE LAZIO, SCADONO IL 30 SETTEMBRE I TERMINI PER LA CONSEGNA DELLA RICHIESTA DEI CONTRIBUTI PREVISTI DALLA LEGGE REGIONALE 28 DICEMBRE 2018, N. 13 CONTRIBUTO ECONOMICO PER "INTERVENTI A SOSTEGNO DEI CITTADINI RESIDENTI NEL LAZIO IN LISTA D'ATTESA PER TRAPIANTO DI ORGANI SOLIDI O DI MIDOLLO, E AFFETTI DA PATOLOGIE ONCOLOGICHE".

leggi tutto

 

 

16 GIUGNO ASL FROSINONE SORA VISITA AL CENTRO DIALISI DELLA CASA DI CURA VILLA GIOIA

L’Associazione Malati di Reni con Roberto Costanzi, accompagnato dal responsabile amministrativo Dr. Alessandro Casinelli, ha visitato il nuovo ambulatorio di emodialisi sito all’interno della Casa di Cura Villa Gioia di Sora (FR) in viale San Domenico 1/F.

Il centro dialisi, dedicato alla “Beata Chiara Luce Badano” aperto lo scorso anno a seguito dell’emergenza Covid-19 e la necessità di avere posti dialisi dedicati, nei periodi di maggior contagio ha accolto persone inviate dagli ospedali Romani, ha 10 posti + 2 contumaciali situato al piano terra della casa di cura polispecialistica accreditata è dotato di sala d’attesa e spogliatoi separati. Il confort delle sale dialisi è dato da ipad collegati alla rete aziendale gratuita, su ogni postazione con cuffie personalizzate, letti snodabili, climatizzazione.

Il centro può effettuare tutte le tipologie di emodialisi prescrivibili dal medico della struttura.

Il centro, per la sua posizione geografica può accogliere le persone per vacanza o che tornano a casa che si recano nei comuni del territorio.

Responsabile del centro è il dottor Giovanni Iacono medico nefrologo.

Dopo il colloquio con il Dr. Casinelli la foto di rito.

Per chi viole saperne di più Tel. 07768394607, e mail dialisi@villagioia.it, www.villagioia.net/copia-di-nuova-pagina

 

25 MAGGIO COVID-19: ESAMI E TERAPIE GRATUITE PER 2 ANNI PER GUARITI DA FORMA GRAVE; LO PREVEDE IL DECRETO SOSTEGNI BIS ALL'ARTICOLO 27

Il Decreto Legge 25 maggio 2021, n. 73 all’articolo 27, prevede per un periodo di due anni, la totale esenzione del ticket sanitario per le prestazioni di monitoraggio per pazienti Covid dimessi da ricovero ospedaliero e giudicati guariti, la tabella A riporta le prestazioni diagnostiche e specialistiche ambulatoriali del Servizio Sanitario Nazionale che rientrano nelle attività di follow-up sulle possibili conseguenze del virus. Ora spetta alle Regioni e provincie autonome attivare i programmi di monitoraggio.

 

 

12 MAGGIO-REGIONE LAZIO CIRCOLARE U.0426364

Campagna Vaccinazione anti SARS-COV 2/COVID-19 – cittadini trapiantati. Recepisce la circolare del Ministero della Salute – CNT per garantire la vaccinazione delle persone trapiantate nel rispetto dei tempi di somministrazione dei vaccini PFIZER e MODERNA.

 

 

10 MAGGIO REGIONE LAZIO CIRCOLARE U.0417387

"Recepimento indicazioni del Ministero della Salute, circolari n. prott.0014837 del 09/04/2021 e 0019748 del 05/05/2021. Estensione intervallo tra le due dosi del vaccino PFIZER/BIONTECH” la regione garantisce i soggetti fragili, infatti nell’ultimo paragrafo si legge

“Deve altresì essere garantita la possibilità di mantenere un intervallo di 21 giorni fra le due dosi in tutti le condizioni patologiche in cui, secondo giudizio clinico, l’allungamento dell’intervallo potrebbe determinare una insufficienza della risposta immunitaria, secondo le evidenze scientifiche disponibili.”

 

 

06 MAGGIO INPS INVALIDITA' CIVILE SE SI SALTA LA VISITA DI REVISIONE, SOSPENSIONE AUTOMATICA DELLA PENSIONE.

Cambiano le modalità di gestione da parte dell’INPS delle visite per l’accertamento dell’invalidità civile. A comunicarlo è lo stesso Istituto con il messaggio numero 1835 del 6 maggio "Articolo 25, comma 6-bis, del decreto-legge 24 giugno 2014, n. 90. Semplificazione delle attività di gestione degli assenti a visita di revisione."

Nell’ottica di una semplificazione (dell’INPS) del procedimento di revisione dell’invalidità civile, è stata introdotta la sospensione cautelativa automatica delle prestazioni, in caso di visita di revisione saltata. L’effetto sospensivo decorre dal primo giorno del mese successivo alla visita saltata con successivo invito da parte dell’INPS a presentare, entro novanta giorni, idonee giustificazioni. In caso contrario, si incorre nella revoca definitiva del beneficio economico.

L’aggiornamento delle procedure si è reso necessario, ricorda il messaggio, a seguito delle modifiche introdotte con Decreto legge numero 90 del 24 giugno 2014 con cui è stata affidata all’INPS la competenza esclusiva in materia di convocazione a visita.

La circolare continua illustrando e spiegando le varie situazioni che possono crearsi con le soluzioni di dare giustificazioni e ritornare a visita per la conferma dell’Invalidità Civile e la possibilità del ripristino delle prestazioni economiche

Visita di revisione saltata: assenza giustificata

In caso di presentazione da parte dell’interessato, entro il termine prescritto, di una giustificazione sanitaria o amministrativa ritenuta fondata, sarà:

Riavviato il procedimento di revisione e comunicata una nuova data per la visita medica.

L’ulteriore assenza alla convocazione comporterà la revoca del beneficio economico, a decorrere dalla data di sospensione.

Una volta conclusosi il processo di revisione, con rilascio di un nuovo verbale sanitario, l’interessato sarà inserito automaticamente per il ripristino della pensione.

Visita di revisione saltata: assenza ingiustificata

Incorre nella revoca definitiva delle prestazioni economiche il soggetto che a fronte dell’assenza alla visita di revisione:

Se non presenta nel termine entro novanta giorni idonea giustificazione dell’assenza o fornisca una giustificazione ritenuta non idonea a motivare l’assenza, la conseguenza sarà la revoca automatica e definitiva della prestazione di invalidità civile a decorrere dalla data della sospensione.

Un’apposita comunicazione INPS segnalerà al cittadino la perdita del diritto a beneficiare della misura economica.

 

 

29 APRILE MINISTERO DELLA SALUTE - CENTRO NAZIONALE TRAPIANTI CIRCOLARE  0018479-DGPRE-DGPRE-P

Oggetto: Vaccinazione anti Sars-CoV-2/Covid-19:

Personale dedicato al trasporto di Unità di cellule staminali emopoietiche (CSE) ai fini di trapianto

Pazienti trapiantati

2 importanti decisioni per le persone trapiantate immunodepresse: No all’estensione della Seconda dose del vaccino a 42 giorni e raccomandazione alle regioni di monitorare l’esito delle vaccinazioni individuando le strutture sanitarie territoriali deputate.

 

 

27 APRILE ULTERIORE PROROGA DELLA SCADENZA DELLE PATENTI DI GUIDA AL 29 OTTOBRE 2021

Con la proroga al 31 luglio 2021 dello stato di emergenza, stabilita con il decreto-legge del n. 52 del 22 aprile scorso, sono automaticamente spostate in avanti le scadenze dei documenti di guida. Dunque, come si legge nella circolare del Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili U.0014282 del 27 aprile “certificati, attestati, permessi, e atti abilitativi comunque denominati, in scadenza tra il 31 gennaio 2020 e il 31 luglio 2021 conservano la loro validità per i novanta giorni successivi alla dichiarazione di cessazione dello stato di emergenza e quindi, fino al 29 ottobre 2021”. Vediamo tutte le novità nel dettaglio.

La patente caso per caso. In pratica, alla luce di tutte le disposizioni, italiane ed europee che si sono susseguite nell’ultimo anno, per le patenti di guida rilasciate dalle autorità italiane si ha la seguente situazione nei due casi di circolazione transfrontaliera e in Italia:

1. Circolazione in Italia:

- se la scadenza originaria era compresa tra il 31 gennaio 2020 e il 29 dicembre 2020, la validità della patente è prorogata al 29 ottobre 2021

- se la scadenza originaria era compresa tra il 30 dicembre 2020 e il 30 giugno 2021, la validità della patente è prorogata di dieci mesi a decorrere dalla scadenza originaria

- se la scadenza originaria è compresa tra l’1° luglio e il 31 luglio 2021, la validità della patente è prorogata al 29 ottobre 2021

2. Circolazione transfrontaliera su tutto il territorio dell’Unione Europea o dello Spazio economico europeo (compresa circolazione in Italia con patenti rilasciate da altro paese Ue o See):

- se la scadenza originaria era compresa tra l’1° febbraio 2020 e il 31 maggio 2020 la validità della patente è prorogata di 13 mesi dalla data di scadenza originaria

- se la scadenza originaria era compresa tra l’1° giugno 2020 e il 31 agosto 2020 la validità della patente è prorogata fino all'1° luglio 2021

- se la scadenza originaria era compresa tra l’1° settembre 2020 e il 30 giugno 2021 la validità della patente è prorogata di 10 mesi dalla data di scadenza originaria

La patente documento d’identità scade il 30 aprile 2021.

la circolare U.0014282 del 27 aprile

 

 

23 APRILE OPERAZIONE DELLA GUARDIA DI FINANZA DI TIVOLI

Da il quotidiano Il Tempo Ancora una indagine sul servizio di trasporto da e per i centri dialisi. Associazioni che omettono i ricavi e i lavoratori considerati volontari. Contestati 5 milioni di Euro dal 2016 al 2019 e 232 lavoratori considerati volontari. Seguiremo gli sviluppi.

 

 

11 APRILE GIORNATA NAZIONALE DONAZIONE E TRAPIANTO

le iniziative dell'Associazione

leggi tutto

 

 

31 MARZO REGIONE LAZIO COVID VACCINAZIONE DEL CONVIVENTE CAREGIVER

E' stata pubblicata sul sito della Regione una pagina FAC sulle vaccinazioni degli estremamente vulnerabili e familiare, si ripristina la circolare regionale n. Nota U0229387 del 13 marzo, per la vaccinazione del familiare.

Per quanto ci riguarda per le persone in dialisi o trapiantate d’organo con i codici di esenzione:

050 in attesa di trapianto,

052 trapiantato,

C02 indennità di accompagnamento

Occorre chiamare il Call Center 06164161841 muniti delle 2 tessere sanitarie.

 

 

29 MARZO CON GLI AUGURI DI BUONA PASQUA L’ASSOCIAZIONE MALATI DI RENI REGALA I PULSOSSIMETRI AI CENTRI DIALISI DEL LAZIO

Con gli auguri di Buona Pasqua l’associazione Malati di Reni regala a tutti i centri dialisi del Lazio pubblici a territoriali accreditati i pulsossimetri da utilizzare nel centro con le persone in cura.

Il pulsossimetro consente di verificare il livello di saturazione dell’ossigeno nel sangue, l’eventuale stato di ipossia, l’intensità delle pulsazioni e parallelamente la frequenza cardiaca. La misurazione di questo parametro è un metodo non invasivo e indolore. E’ utile a valutare l'andamento della malattia Covid-19. Serve infatti a misurare l’ossigenazione del sangue ed è utile per sapere se i polmoni riescono ad assumerne in quantità sufficiente dall’aria che si respira.

CAMPAGNA REALIZZATA CON I FONDI DEL 5 X MILLE C.F. 97114010586.

 

24 MARZO MINISTERO DELLA SALUTE DECRETO 12 MARZO 2021

Approvazione del Piano strategico nazionale dei vaccini per la prevenzione delle infezioni da SARS-CoV-2 costituito dal documento recante «Elementi di preparazione della strategia vaccinale», di cui al decreto 2 gennaio 2021 nonché dal documento recante «Raccomandazioni ad interim sui gruppi target della vaccinazione anti SARS-CoV-2/COVID- 19» del 10 marzo 2021. Pubblicato in Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.

Il decreto è composto da due parti: da un lato si recepisce il piano strategico del 12 dicembre 2020, sul quale il Parlamento aveva approvato le relative risoluzioni, e che era stato successivamente adottato con il decreto del Ministero della Salute del 2 gennaio 2021; mentre dall'altro contiene il documento con le raccomandazioni ad interim sui gruppi target da vaccinare in via prioritaria del 10 marzo 2021 sul quale era già stata resa un'informativa in sede di Conferenza unificata Stato Regioni.

 

Il piano vaccini del 10 marzo 2021

 

il piano vaccini del 12 dicembre 2020

 

 

24 MARZO REGIONE LAZIO nota U.0261328

Ulteriori indicazioni ad interim per la vaccinazione anti SARS-CoV-2 dei familiari/convicenti/caregiver

Con questa nuova circolare in considerazione della disponibilità dei vaccini, la regione Lazio riduce la possibilità di vaccinazione dei familiari caregiver si decide che La vaccinazione dovrà essere garantita ai due caregiver principali dei soggetti con disabilità gravissima come da Decreto del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali del 26 settembre 2016 (GU n. 280 del 30/11/2016) di età inferiore ai 16 anni.

Niente più possibilità di prenotare la vaccinazione per il convivente/caregiver di una persona malata maggiorenne.

 

 

22 MARZO FORUM NAZIONALE

Lettera inviata ieri dal Forum Nazionale dr. Andrea Vecchi con la domanda al Ministro Speranza "se la vaccinazione in queste categorie di persone (in dialisi e trapiantate) abbia la stessa valenza di immunizzazione che viene attesa nelle persone sane".

Il Presidente chiede altresì la gratuità dell'esame per le persone in dialisi e con trapianto su tutto il territorio nazionale.

 

 

22 MARZO DECRETO LEGGE n. 41 - DECRETO SOSTEGNI

"Misure urgenti in materia di sostegno alle imprese e agli operatori economici, di lavoro, salute e servizi territoriali, connesse all’emergenza da COVID-19. Gazzetta Ufficiale n. 70 del 22 marzo 2021"

Art. 15.

Misure a sostegno dei lavoratori in condizione di fragilità

1. All’articolo 26, del decreto-legge 17 marzo 2020, n. 18, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 aprile 2020, n. 27, sono apportate le seguenti modificazioni: a) al comma 2, al primo periodo, le parole «Fino al 15 ottobre 2020» sono sostituite dalle seguenti: «Fino al 30 giugno 2021, laddove la prestazione lavorativa non possa essere resa in modalità agile ai sensi del comma 2 - bis,» e, dopo il primo periodo è aggiunto il seguente: «I periodi di assenza dal servizio di cui al presente comma non sono computabili ai fini del periodo di comporto e, per i lavoratori in possesso del predetto riconoscimento di disabilità, non rilevano ai fini dell’erogazione delle somme corrisposte dall’INPS, a titolo di indennità di accompagnamento.»;

b) al comma 2 -bis, le parole «16 ottobre e fino al 31 dicembre 2020» sono sostitute dalle seguenti: «16 ottobre 2020 e fino al 30 giugno 2021».

2. All’articolo 1, comma 481, della legge 30 dicembre 2020, n. 178, le parole «28 febbraio 2021» sono sostituite dalle seguenti: «30 giugno 2021».

3. Per il periodo dal 1° marzo 2021 alla data di entrata in vigore del presente decreto si applica la disciplina di cui all’articolo 26, commi 2 e 2 -bis, del decreto-legge 17 marzo 2020, n. 18, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 aprile 2020, n. 27, così come modificato al presente articolo.

 

 

21 MARZO REGIONE LAZIO nota del 13 marzo U0229387 come rettificata dalla nota U0230224 del 19 marzo

 

"Vaccinazione anti-SARS-Cov-2/COVID-19. Aggiornamento ad interim sui gruppi target della vaccinazione anti-SARS-Cov-2/COVID-19. Integrazione tabella codici esenzione e introduzione codice C02, C05”

ha recepito il Piano Nazionale delle Vaccinazioni del 10 marzo scorso e la nota del Centro Nazionale Trapianti riguardante le persone in attesa di trapianto e trapiantate d’organo.

Ora le persone interessate potranno prenotarsi o chiamati direttamente dai centri di cura o direttamente seguendo i canali ordinari MMG, ASL, CUP.

Quali sono i codici di esenzione che ci riguardano da vicino e che obbligatoriamente occorrerà avere per prenotare:

050 ESENZIONI PATOLOGIA SOGGETTI IN ATTESA DI TRAPIANTO si può prenotare solo la persona interessata

052.V42.x TRAPIANTO (V42.0 - Rene; V42.1 - Cuore; V42.6 - Polmone; V42.7 - Fegato; V42.8 – Intestino, Pancreas; V42.9 – midollo) si può prenotare solo la persona interessata

C02 Invalidi civili al 100% di invalidità con indennità di accompagnamento. Si può prenotare anche il convicente/caregiver maggiorenne.

C05 Ciechi assoluti o con residuo visivo non superiore ad un decimo ad entrambi gli occhi. Si può prenotare anche il convicente/caregiver maggiorenne.

Per chi è stato già vaccinato dializzato o trapiantato con il codice di esenzione C02 per prenotare il convivente/caregiver maggiorenne deve esclusivamente chiamare il numero 06164161841 e parlare con l’operatore necessari i 2 codici fiscali.

L’appuntamento non verrà dato subito, ma si verrà richiamati dalla ASL di residenza del convivente.

            

U0229387    U 0250224

 

 

19 MARZO REGIONE LAZIO determina G03043

Approvazione del Protocollo di somministrazione e monitoraggio clinico farmaci a base di anticorpi monoclonali neutralizzanti in pazienti con infezione da SARS-CoV-2 e sintomatologia lieve-moderata non-ospedalizzati.

1. POPOLAZIONE TARGET

La popolazione candidabile al trattamento è rappresentata unicamente da soggetti di età >12 anni, positivi per SARS-CoV-2, non ospedalizzati per COVID-19, non in ossigenoterapia per COVID-19, con sintomi di grado lieve-moderato di recente insorgenza preferibilmente entro le 72 ore (e comunque da non oltre 10 giorni) e presenza di almeno uno dei fattori di rischio (o almeno 2 se uno di essi è l’età >65 anni) di seguito elencati.

Tra la popolazione target ci sono persone con:

malattia renale cronica (soggetto cronicamente sottoposto a dialisi peritoneale o emodialisi);

immunodeficienze primitive o secondarie (trapiantati)

 

 

12 MARZO MINISTERO DELLA SALUTE E CENTRO NAZIONALE TRAPIANTI

nota n. 0009639 a firma congiunta con il Direttore del Centro Nazionale Trapianti oggetto: vaccinazione anti Sars-CoV-2/Covid-19: trapiantati

 

Il Piano Vaccini del 10 marzo

 

 

 

 

12 MARZO MINISTERO DELLA SALUTE Vaccinazione anti-SARS-CoV-2/COVID-19

Raccomandazioni ad interim sui gruppi target della vaccinazione anti-SARS-CoV-2/COVID-19

 

Riportiamo le parti essenziali che ci riguardano.

Ricordiamo che sono le Regioni che devono organizzare la campagna di vaccinazione. Per quanto riguarda la regione Lazio, aspettiamo l'eventuale aggiornamento della circolare dell'8 marzo, riportata nella news precedente

Nella Categoria 1; tabella 1 si chiarisce che le persone in dialisi e i trapiantati d’organo rientrano nella categoria delle persone estremamente vulnerabili, e per quanto riguarda i trapiantati d’organo vanno vaccinati i conviventi e per i minori che non possono ancora essere vaccinati chi fornisce assistenza.

Nella tabella 2 vengono riportati i disabili gravi così come riconosciuti dalle commissioni medico legali (invalidità civile e legge 104) anche in questa categoria possono rientrare i conviventi o in caregiver che prestano l’assistenza continuativa.

Nella categoria 4 troviamo le persone con l’insufficienza renale con età minore a 60 anni riconoscibili in base al codice di esenzione (023)

 

Categoria 1. Elevata fragilità.

Nel definire i gruppi a cui dare priorità nella campagna di vaccinazione si è tenuto conto, anche attraverso un confronto con società scientifiche di riferimento, della particolare fragilità di alcune categorie di cittadini affetti da specifiche patologie valutate come particolarmente critiche in quanto correlate al tasso di letalità associata a COVID-19 per danno d’organo preesistente o compromessa capacità di risposta immunitaria a SARS-CoV-2, definite estremamente vulnerabili (tabella 1) e dei portatori di disabilità gravi ai sensi della legge 104/1992 art.3 comma 3 (tabella 2).

 

ESTRATTO DALLA TABELLA 1

Persone estremamente vulnerabili, intese come persone affette da condizioni che per danno d’organo preesistente, o che in ragione di una compromissione della risposta immunitaria a SARS-CoV-2 hanno un rischio particolarmente elevato di sviluppare forme gravi o letali di Covid-19

AREE DI PATOLOGIA

DEFINIZIONE

Insufficienza renale/patologia renale

Pazienti sottoposti a trattamento dialitico cronico

Trapianto di organo solido e di cellule staminali emopoietiche

Pazienti in lista d’attesa o trapiantati di organo solido.

* Vaccinare anche i conviventi

* * nel caso di minori che rientrano nella definizione di estremamente vulnerabili e che non possono essere vaccinati per mancanza di vaccini indicati per la loro fascia di età, vaccinare i relativi genitori/tutori/affidatari.

 

TABELLA 2 - Disabilità gravi

Disabilità (fisica, sensoriale, intellettiva, psichica)

Disabili gravi ai sensi della legge 104/1992 art.3 comma 3, e familiari conviventi e "caregiver" che forniscono assistenza continuativa in forma gratuita o a contratto.

 

Categoria 4: Le persone con comorbidità di età <60 anni senza quella connotazione di gravità riportata per la fragilità.

La quarta categoria è nuovamente articolata tenendo conto dell’aumentato rischio clinico di persone affette da patologie o situazioni di compromissione immunologica che possono aumentare il rischio di sviluppare forme severe di COVID-19 seppur senza quella connotazione di gravità riportata per le persone fragili. In gran parte, le tipologie di patologie prese in considerazione sono le medesime assunte per le persone estremamente vulnerabili, ma il livello di gravità considerato è inferiore.

 

Tabella 3 Aree di patologia (e relativi codici di esenzione) da considerare per la definizione delle persone con comorbidità, di età inferiore a 60 anni, senza quella connotazione di gravità riportata per l’elevata fragilità

AREE DI PATOLOGIA

Insufficienza renale/patologia renale

 

 

11 MARZO REGIONE LAZIO VACCINAZIONE ANTI COVID FAMILIARI PERSONE IMMUNODEPRESSE NON COMPRESE NELLA NOTA

La regione Lazio con la nota dell’8 marzo scorso “Ulteriori indicazioni ad interim per la vaccinazione anti SARS-CoV-2: disabili gravissimi ai sensi Decreto del Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali del 26 settembre 2016 (GU n 280 del 30/11/2016)” viene prevista la vaccinazione dei caregiver/convivente principale.

Riferendosi al decreto, ha suddiviso i malati cronici in soggetti fragili, dove sono inserite le persone immunodepresse, e soggetti estremamente vulnerabili elencati nell’art. 3 per i quali si inizia la vaccinazione del familiare/caregiver. La nota riconosce la priorità anche alle persone gravi, qualsiasi patologia con riconoscimento dell’indennità di accompagnamento (codice di esenzione C02) e dell’art. 3 comma 3 della legge 104.

La motivazione di queste suddivisioni è dovuta alla mancanza di vaccini Pfizer, che speriamo sia presto superata.

Per il familiare convivente delle persone immunodepresse non ci sono ancora indicazioni.

Al momento possiamo suggerire ai familiari/conviventi delle persone immunodepresse di seguire i tempi di vaccinazione previsti per la classe di età.

(la nota con il decreto)

 

 

08 MARZO MINISTERO DELLA SALUTE CIRCOLARE 0008811 DGPRE-DGPRE-P

Utilizzo del vaccino COVID-19 VACCINE ASTRAZENECA nei soggetti di età superiore ai 65 anni.

Sulle basi di tali considerazioni, anche in una prospettiva di sanità pubblica connotata da limitata disponibilità di dosi vaccinali e alla luce della necessità di conferire protezione a fasce di soggetti più esposti al rischio di sviluppare patologia grave o addirittura forme fatali di COVID-19, il gruppo di lavoro su SARS-CoV-2 del Consiglio Superiore di Sanità ha espresso parere favorevole a che il vaccino AstraZeneca possa essere somministrato anche ai soggetti di età superiore ai 65 anni.

Tale indicazione non è da intendersi applicabile ai soggetti identificati come estremamente vulnerabili in ragione di condizioni di immunodeficienza, primitiva o secondaria a trattamenti farmacologici o per patologia concomitante che aumenti considerevolmente il rischio di sviluppare forme fatali di COVID-19 (cfr. allegato 3 della nota protocollo 0005079-09/02/2021-DGPRE). In questi soggetti, si conferma l’indicazione a un uso preferenziale dei vaccini a RNA messaggero.

 

 

03 MARZO MINISTERO DELLA SALUTE CIRCOLARE 0008284-DGPRE-DGPRE-P

Vaccinazione dei soggetti che hanno avuto un’infezione da SARS-CoV-2.

La parte che ci riguarda: Alle persone che presentino condizioni di immunodeficienza, primitiva o secondaria a trattamenti farmacologici, non essendo prevedibile la protezione immunologica conferita dall’infezione da SARS-CoV-2 e la durata della stessa, si raccomanda di proseguire con la schedula vaccinale proposta doppia dose di vaccino anti-SARS-CoV-2/COVID-19 nei soggetti con pregressa infezione da SARS-CoV-2 decorsa in maniera sintomatica o asintomatica, purché la vaccinazione venga eseguita ad almeno 3 mesi di distanza dalla documentata infezione e preferibilmente entro i 6 mesi dalla stessa.

 

 

01 MARZO PROROGA DELLA SCADENZA DELLE PATENTI DI GUIDA

Per quanto riguarda le patenti scadute e da rinnovare queste le nuove scadenze:

per circolare in Italia, le patenti di guida italiane con scadenza:

tra 31 gennaio 2020 e 29 settembre 2020 sono valide fino al 29 luglio 2021 (novantesimo giorno successivo alla dichiarazione di cessazione dello stato di emergenza sanitaria, attualmente fissata al 30 aprile 2021).

tra 30 settembre 2020 e 30 giugno 2021 sono valide fino a 10 mesi dopo la scadenza normale.

Per circolare negli altri Paesi membri dell’UE le patenti di guida rilasciate in Italia, con scadenza:

tra 1° febbraio 2020 e 31 maggio 2020 sono valide fino a 13 mesi dopo la scadenza normale

tra 1° giugno 2020 e 31 agosto 2020 sono valide fino al 1° luglio 2021

tra 1° settembre 2020 e 30 giugno 2021 sono valide fino 10 mesi dopo la scadenza normale

Infine, se utilizzate come documenti di riconoscimento, le patenti italiane con scadenza tra 31 gennaio 2020 e 29 aprile 2021 sono valide in Italia fino al 30 aprile 2021, all’estero fino alla data di scadenza indicata nel documento.

Per dettagli e per conoscere le proroghe per gli altri documenti di guida (es. CQC): Circolare del Ministero delle infrastrutture e dei Trasporti del 1° marzo 2021 prot.7203. Proroga dei termini di validità delle abilitazioni alla guida e dei documenti necessari per il loro rilascio o conferma di validità, ai sensi dell’articolo 103 del decreto legge 17 marzo 2020, n. 18 e successive modificazioni e del Regolamento (UE) 2021/267 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 16 febbraio 2021 cd. “Omnibus II” Con il documento europeo.

 

 

26 FEBBRAIO IL CENTRO NAZIONALE TRAPIANTI CON NOTA 327 RISPONDE ALL'ASSOCIAZIONE SULLE 2 ISCRIZIONI NEI CENTRI TRAPIANTO DI RENE

Le linee guida per la gestione delle liste di attesa e la assegnazione del trapianto di rene da cadavere del 2002 all'articolo 3 recita che ogni paziente può iscriversi i 2 liste una regione e una dove vuole in Italia.

L’interpretazione del CNT, a nostro avviso favorevole a chi deve iscriversi in lista ci dice che di fatto non è obbligatorio iscriversi nella lista di un centro regionale, ma che ci si può iscrivere in 2 liste fuori regione solo per specifici programmi di trapianto di rene che non si effettuano nella regione di residenza.

 

 

18 FEBBRAIO IL FORUM NAZIONALE SCRIVE ALLA REGIONE LAZIO

OGGETTO: Priorità Vaccinazioni cittadini in Lista, Trapiantati e controllo immunologico

Il Dr. Andrea vecchi Presidente del Forum Nazionale delle Associazioni di nefropatici, dializzati, trapiantati d’organo e di volontariato, interviene nuovamente sulle vaccinazioni e scrive ai Presidenti e Assessori alla Sanità di tutte le regioni d’Italia.

Ovviamente la lettera essendo unica può riportare alcune iniziative già prese, come per il Lazio, ma certamente importante per tutti sono le osservazioni sul vaccino e le richieste che condividiamo nel Lazio.

 

 

09 FEBBRAIO LA CONFERENZA STATO REGIONE DA L'INFORMATIVA SUL PIANO NAZIONALE DELLE VACCINAZIONI

La Conferenza Stato Regioni ha reso la sua informativa sul nuovo Piano Nazionale Vaccinazione anti Covid, proposto dal Ministero della Salute, piano che recepisce le osservazioni di alcune associazioni di malati Cronici, tra cui il Forum Nazionale delle Associazioni di nefropatici, dializzati, trapiantati d’organo e di volontariato, inserendo le persone con “Insufficienza Renale Grave”, probabilmente con filtrato inferiore a 60% (fonte FIR) quindi non solo in dialisi, e “trapiantate di organo solido” e conviventi tra le priorità. Nei prossimi giorni ne sapremo di più sull’applicazione.

Il file contiene le lettere del Centro Nazionale Trapianti e della Società Italiana di nefrologia

 

 

21 GENNAIO DECRETO MINISTERO DELLA SALUTE

Indizione della «Giornata per la donazione degli organi», per l’anno 2021 per il 11 aprile

 

 

20 GENNAIO REGIONE LAZIO nota U. 0053057 del 20 gennaio

Comunicazione sospensione nuove somministrazioni vaccino Pfizer

 

 

15 GENNAIO REGIONE LAZIO nota U 0031872 del 14 gennaio

Estensione vaccinazione anti SARS-CoV-2 alle persone in dialisi e trapiantate d'organo

 

chiudi finestra

 

07 GENNAIO 2021 REGIONE LAZIO: RIVALUTAZIONE CONTRIBUTI DIALISI DOMICILIARE

Regione Lazio rivalutazione contributi dialisi domiciliare 2021 

 

Ricordiamo che ai contributi erogati dalle ASL, va aggiunto il Bonus Energia previsto per il disagio fisico previsto dalla normativa nazionale leggi tutto sulla pagina del sito

Solo per l'emodialisi domiciliare il bonus acqua previsto dall'ACEA leggi tutto sulla pagina del sito

 

vai all'archivio news


 

chiudi finestra